MOTOMONDIALE : Gara Moto3 - Moto2 - MotoGP - Barcellona, CatalanGP

27.09.2020

Darryn Binder conquista la prima vittoria nel Mondiale di Moto3 davanti a Tony Arbolino e Dennis Foggia in un GP di Catalunya caratterizzato dall'uscita di scena dei leader della classifica McPhee e Arenas. La caduta dei due protagonisti del mondiale è avvenuta a sedici giri dal termine, quando McPhee ha trascinato in terra Arenas in seguito ad un lungo nella solita bagarre della Moto3. Una bagarre che l'italiano Tony Arbolino ha cercato di evitare sin dalla partenza, mettendosi in testa e provando a mettere nel sacco un minimo di gap che gli consentisse di gestire le gomme nel finale, ma il solito gioco delle scie ed il rettilineo lunghissimo del Montmelò gli hanno fatto capire ben presto che quella scelta non sarebbe stata la strategia vincente.

Un tentativo che, da metà gara, è stato replicato da Dennis Foggia, con un errore nel finale di cui hanno saputo approfittare sia il sudafricano Binder (festeggiato al traguardo dal più noto fratello Brad), sia da Tony Arbolino, per un podio che, di fatto, non cambia in maniera significativa la classifica mondiale. Il giapponese Ogura, infatti, non è riuscito a capitalizzare al meglio l'uscita di scena di McPhee ed Arenas, con quest'ultimo che resta in testa al mondiale a quota 119 punti. 117, invece, per Ogura (oggi undicesimo) e 98 per McPhee. Primo degli italiani nella classifica iridata è, invece, Celestino Vietti (86 punti), oggi ottavo con tanto di penalità che lo ha visto scalare di una posizione nell'ordine di arrivo, preceduto da Romano Fenati e seguito da Niccolò Antonelli.

.

Luca Marini passa per la terza volta in questa stagione per primo sotto il traguardo di un Gran Premio di Moto2 e lo fa al termine di una gara in cui ha dovuto vedersela con un agguerritissimo Sam Lowes (oggi secondo) e un altrettanto agguerrito Fabio Di Giannantonio (oggi terzo). Il pilota del Team Mark VdS, in astinenza da vittorie da ben quattro anni, è stato l'unico in grado di impensierire fino alla fine Marini in una domenica di grazia assoluta, dopo un fine settimana fatto sempre in testa sin dal primo giorno di prove libere.

"Oggi - ha detto un commosso Pablo Nieto del Team Sky VR46 Racing Team - si sono scontrati uno che andava forte con uno che andava alla perfezione. Luca Marini ha portato a casa una vittoria straordinaria, senza nulla da aggiungere". Parole, quelle di Nieto, che dicono tutto. Tranne che con i 25 punti messi nel sacco oggi, Luca Marini si porta a quota 150 nella classifica mondiale, cominciando a mettere un principio di ipoteca sul titolo. Il tutto anche in virtù del risultato di Enea Bastianini, bravo comunque a passare sesto sotto il traguardo in un gran premio difficile sin dalle prove. Settimana piazza, invece, per Marco Bezzecchi.

La classifica mondiale, comunque, parla ancora italiano: con Marini (come già detto) davanti a tutti in virtù dei 150 punti conquistati, seguito da Enea Bastianini con 130 e da Marco Bezzecchi con 114. Quarta piazza per il cooprotagonista di giornata, Sam Lowes, a quota 104. "Grandissimo Luca e grandissimi tutti gli uomini del team - ha detto Valentino Rossi dopo aver abbracciato il fratello Luca sotto al podio - Questa vittoria è veramente importante per la classifica mondiale". Una classifica che ha visto definitivamente uscire di scena Jorge Martin, dopo il doppio stop dovuto al Corononavirus che lo ha tenuto a casa per la doppia di Misano, e soprattutto dopo il ritiro di oggi.

.

Fabio Quartararo ha vinto il Gran Premio di Catalunya, nona tappa del Motomondiale MotoGP 2020, corso sul circuito Montmelò di Barcellona.

Il pilota del Team Yamaha Petronas ha tagliato il traguardo davanti alle Suzuki di Joan Mir e Alex Rins, staccate rispettivamente di 0.928s e 1.898s, andando a centrare la terza vittoria della stagione. Due Suzuki non salivano sul podio da Misano 2007, allora c'erano riusciti Hopkins e Vermeulen.

La gara sin dall'inizio ha perso possibili protagonisti. Andrea Dovizioso è stato coinvolto subito dopo la partenza nella caduta di Johann Zarco, che dopo aver visto Petrucci perdere il controllo della sua Ducati (ma senza cadere), ha perso l'avantreno della sua Desmosedici GP, falciando il forlivese, che perde la leadership della classifica iridata.

Stava facendo una grandissima gara anche Valentino Rossi, caduto mentre era saldamente in seconda posizione e che aveva in mente anche un possibile attacco a Quartararo. Il "Dottore" ha perso l'avantreno della sua M1 e nulla ha potuto. Per lui seconda caduta consecutiva dopo quella di Misano 2.

Dietro alle Suzuki appena fuori dal podio si è piazzato il pole-man Franco Morbidelli (Yamaha Petronas), che dopo un errore in staccata mentre si trovava in seconda posizione, non è poi riuscito a resistere agli attacchi delle moto della casa di Hamamatsu.

Morbidelli ha preceduto le Ducati del Team Pramac di Jack Miller e Francesco Bagnaia, la Honda del Team LCR di Takaaki Nakagami e Danilo Petrucci, che chiude ottavo.

Gara da dimenticare per Maverick Vinales, che dopo il successo di Misano 2, è stato autore di una pessima partenza che lo aveva relegato nelle retrovie. Alla fine anche grazie a qualche caduta di chi lo precedeva ha chiuso nono e davanti alla Honda del Team LCR del rientrante Cal Crutchlow.

.

-Lemmy

.

#passionendotermica #MotoGp #Quartararo #Marini #Binder #Barcellona #CatalanGp